Cittadini responsabili per tornare a celebrare Messa, in sicurezza

Desiderio, nostalgia, non dimenticanza, senso di responsabilità, concretezza e consapevolezza, generosa e innovativa carità. Potrebbero essere questi i termini, contenuti nella lettera con la quale il nostro Vescovo Giuseppe ci comunica l’imminente avvio della “Fase 2” anche per la vita ecclesiale nelle parrocchie della nostra Diocesi, che descrivono il nostro attuale stato d’animo.

Il desiderio di una ripresa delle celebrazioni comunitarie dell’Eucaristia. La nostalgia per le espressioni di festa e solennità che hanno accompagnato la preghiera della nostra Comunità fino all’8 marzo (basterebbe ricordare la festosa e gioiosa, oltre che numerosa, partecipazione dei bambini alla messa domenicale e alle attività di catechesi o di oratorio e dei tanti – genitori, catechisti, animatori – che li hanno accompagnati e sono stati a loro servizio).

La non dimenticanza e la gratitudine per quanti, a rischio della propria vita, sono stati tra i primi a mettersi a servizio per far fronte al Covid-19 (operatori sanitari, volontari). Ma anche la consapevolezza di quanta ricchezza possa essere venuta da questa situazione, pur dolorosa, per esempio dalle modalità “nuove” di preghiera familiare. E soprattutto il senso di responsabilità che ora, in questa nuova e delicata fase, ci viene richiesto: inutile negare che dipenderà tantissimo anche dai cristiani la possibilità di riuscire a non “retrocedere” a una più dolorosa “Fase 1”, ma anzi di progredire con gradualità al superamento della situazione di emergenza.

Dovrebbe esser chiaro e assodato per tutti che le misure di sicurezza sanitaria (utilizzo corretto della mascherina, distanziamento, corretta igienizzazione) non sono opzionali, neppure in chiesa.

Piuttosto sono e saranno l’indispensabile mezzo per avere cura della salute di noi stessi e degli altri. Rimangono certo tante domande su come sarà questa ripresa, quali modalità di sicurezza ancora dovremo adottare: basti pensare alla stagione estiva che ci sta davanti, e a se e come potrà esserci una “Estate in Oratorio 2020”. Inoltre la crisi economica e sociale ci chiede di essere sempre aperti alla generosa e innovativa carità perché i nostri fratelli siano aiutati «secondo il bisogno di ciascuno» (At 2,42-45). La Diocesi, a questo riguardo, ha attivato un Fondo Diocesano di Solidarietà – Emergenza 2020: occhi e orecchi attenti ci consentiranno di “aiutare ad aiutare”. Passo dopo passo, con la collaborazione di ciascuno e con l’aiuto della nostra fede, attraverseremo anche questa delicata “Fase 2”. Noi, come Comunità parrocchiale, ci teniamo pronti, in ogni caso!

Con prudenza “torniamo a celebrare Messa insieme”

Protocollo di sicurezza sanitaria

Il numero massimo di partecipanti consentito in relazione alla capienza dell’edificio è di 120 nella chiesa di San Pietro, 60 in quella di Santa Lucia, 96 all’Oratorio (all’aperto). Una volta che sarà raggiunto il numero massimo consentito non sarà più possibile entrare.

1. Non è consentito entrare in chiesa a coloro che hanno sintomi influenzali/respiratori, o in presenza di temperatura corporea pari o superiore ai 37,5° C, né a coloro che sono stati in contatto con persone positive al Covid-19 nei giorni precedenti. Per motivi di salute o di età avanzata si è dispensati dal precetto festivo (si può seguire la messa alla TV). Ognuno deve sentirsi moralmente responsabile della salute sua e degli altri!

2. Sarà favorito, per quanto possibile, l’accesso delle persone diversamente abili, prevedendo una zona apposita per la loro partecipazione alle celebrazioni nel rispetto della normativa vigente.

3. Coloro che entrano in chiesa per le celebrazioni liturgiche sono tenuti a indossare la mascherina, comprendo bene bocca e naso, e a tenerla per tutta la durata della celebrazione (fatta eccezione nel momento in cui si riceve la Comunione). L’uso della mascherina è necessario anche in occasione della preghiera personale in chiesa e in occasione della confessione.

4. Coloro che entrano in chiesa devono provvedere all’igienizzazione delle mani tramite i dispositivi sistemati all’ingresso (sarebbe bene comunque avere con sé una boccetta di gel igienizzante). NO ai guanti durante la Messa!

5. E’ necessario occupare i posti assegnati, che assicurano il rispetto della distanza sanitaria, ed evitare spostamenti non strettamente necessari.

6. Per ricevere la Comunione, abitualmente, ognuno resterà al proprio posto: sarà il sacerdote (e l’accolito) a passare tra i banchi/sedie /panche.

7. Nell’atto di ricevere la Comunione è necessario che il fedele distenda per bene le braccia e apra il palmo delle mani (la sinistra sopra la destra), per favorire il mantenimento di un’adeguata distanza di sicurezza dal sacerdote (o accolito).

8. Per motivi di igiene e di salute, non sono disponibili i sussidi per i canti o i foglietti liturgici. Il notiziario parrocchiale settimanale verrà consegnato all’uscita a chi lo desidera, e in tale momento si potrà liberamente lasciare le eventuali offerte negli appositi contenitori.

9. Dopo la celebrazione i fedeli usciranno dalla chiesa seguendo le indicazioni dei volontari, così che sia subito possibile procedere alle operazioni di igienizzazione.

10. Grazie per la collaborazione e per la pazienza!

Aspettando l’Estate in Oratorio – Oratorio San Pietro Assemini

Ciao a tutti.

Un saluto particolare a voi, cari bambini e cari ragazzi del nostro oratorio.

Non sappiamo ancora come sarà l’Estate in oratorio 2020 ma, in attesa di poter capire  e anche soprattutto di poterci preparare ad accogliervi al meglio, per voi gli animatori hanno preparato un bellissimo video che vi invito a guardare … quasi per farvi venire il desiderio, la nostalgia di quanto fatto negli anni passati … ma anche il desiderio di poter vivere ancora insieme, certamente in maniera diversa, tante belle serate in compagnia.

Don Paolo

Il “Padre nostro dei bambini” cantato dagli animatori del nostro oratorio

Dedicato a tutti i bambini e ragazzi che non vedono l’ora di tornare ad abitare il nostro oratorio. Torneremo presto insieme!

Celebrazioni esequiali (funerali) a partire dal 4 maggio 2020

INDICAZIONI DELL’ARCIVESCOVO DI CAGLIARI La celebrazione delle esequie, che sarà nuovamente possibile con il rito liturgico a partire dal prossimo 4 maggio, sollecita nei sacerdoti le seguenti attenzioni pastorali per essere, anche in queste occasioni, annunciatori del Vangelo e ministri di speranza e consolazione. Le esequie potranno essere celebrate nella…

Continua a leggere

Celebrazioni in diretta durante la Settimana Santa

Le celebrazioni della Settimana Santa si potranno seguire in diretta video-streaming nel sito web e nella pagina Facebook della Parrocchia. Accogliamo l’invito del nostro Vescovo rivolto alle famiglie, affinché espongano nella propria casa un ramo d’ulivo, o una palma o anche un altro fiore e a recitare insieme una preghiera…

Continua a leggere

Non basta fare il bene, bisogna anche farlo bene

Quasi come un ritornello, in particolare in quest’ultimo mese sentiamo spesso ripetere che a una situazione emergenziale stra-ordinaria si deve rispondere con misure stra-ordinarie. Le misure di contenimento del Coronavirus non sono soltanto di ordine sanitario, ma interessano un insieme di ambiti, che partendo proprio da quello più spiccatamente sanitario…

Continua a leggere

Indicazioni Diocesane per la Settimana Santa 2020

Il permanere delle disposizioni delle Autorità civili per il contenimento e la gestione dell’emergenza “Coronavirus”, limitando la libertà di movimento e impedendo ogni forma di assembramento, costringe a celebrare la Settimana Santa secondo una modalità tutta particolare, tenendo conto delle norme e indicazioni date dal Decreto della Congregazione per il…

Continua a leggere

La memoria si fa preghiera

La memoria dei giorni dal 24 al 27 marzo 2019 qui ad Assemini, quando abbiamo vissuto una esperienza umana e spirituale carica di significati, oggi si fa preghiera di supplica alla “Santa degli impossibili”. È il ricordo vivo, nel cuore e nella mente di ciascuno, di una esperienza di grande…

Continua a leggere

LETTERA APERTA AI PARROCCHIANI DI S. PIETRO AD ASSEMINI

Mentre scrivo non so se arriverà mai l’invito o disposizione a livello diocesano a chiudere anche le chiese! Chi l’avrebbe mai pensato che saremmo arrivati a tanto! Considerata la situazione gravissima sul piano sanitario, ci si chiede, ad ogni cittadino italiano, un supplemento di responsabilità. Di questa responsabilità, ha scritto…

Continua a leggere